Sopravvissuti al cancro e attività fisica: ecco cosa è emerso dalle ultime ricerche

 In Blog

La ricerca sta ora fornendo prove più solide sull’attività fisica e sui suoi molteplici benefici per i sopravvissuti al cancro. Ma i consigli pratici per gli individui durante e dopo il trattamento del cancro non sono validi per tutti e diventa importante anche capire come comportarsi a seconda del tempo trascorso in sedentaria.

Esercizio, tempo di sedentarietà e qualità della vita dopo il cancro del colon-retto

Un nuovo studio, che ha seguito 396 persone a due anni dopo il trattamento per il cancro del colon-retto in stadio I-III fino, offre preziose informazioni. Questo studio, finanziato in parte dal World Cancer Research Fund (affiliato internazionale di AICR), ha valutato come il tempo sedentario e l’attività fisica fossero collegati alla fatica e ad altri aspetti della qualità della vita. La qualità della vita correlata alla salute è rappresentata in studi come questo con punteggi che riassumono come le persone valutano la loro capacità di svolgere le attività quotidiane e il loro senso di benessere fisico, psicologico e sociale.

Nel seguire gli individui nel tempo e nel confrontare diversi individui, le persone che hanno trascorso il loro tempo di sedentarietà dalle sei settimane ai due anni dopo il trattamento, hanno riportato una diminuzione della funzione fisica e un aumento della fatica. Anche dopo essersi adattati al comportamento sedentario, le persone con più tempo in attività da moderata a vigorosa hanno riportato una migliore qualità della vita correlata alla salute e meno fatica. L’analisi dei dati suggerisce una sinergia di meno seduta e più attività. La combinazione è stata particolarmente associata a una migliore qualità della vita, inclusa la capacità di funzionare come desiderato e una minore fatica.

Sebbene sedersi di meno e muoversi di più sembri amplificare i benefici reciproci, i risultati di questo studio sono degni di nota anche per i sopravvissuti al cancro del colon-retto che non sono disposti o in grado di partecipare a un’attività da moderata a vigorosa.

Un’attività fisica moderata equivale a una camminata veloce. Per alcuni sopravvissuti al cancro, l’attività a quel livello o oltre può sembrare fuori portata, a causa dell’età o di altri problemi di salute o semplicemente un’abitudine difficile da adottare dopo una vita con poco esercizio. I sopravvissuti al cancro del colon-retto con poca o nessuna attività fisica che hanno mantenuto basso il tempo di sedentarietà hanno riportato una qualità generale della vita significativamente migliore e un minor affaticamento rispetto a quelli con un lungo tempo di seduta.

Alla luce di quanto detto, i ricercatori suggeriscono che per quei sopravvissuti da cancro del colon retto, sostituire il comportamento sedentario con un’attività fisica leggera, come attività domestiche e camminare a ritmo più lento, potrebbe essere particolarmente utile per il recupero.

Attività fisica e sopravvissuti dal tumore: gli studi clinici sono fondamentali per capire gli sviluppi futuri

Ricerche come lo studio di cui sopra che ha seguito nel tempo i sopravvissuti al cancro del colon-retto forniscono prove più forti rispetto agli studi che sono semplicemente un’istantanea nel tempo. Ma anche gli studi che osservano le persone nel tempo non possono dimostrare che più esercizio fisico o meno tempo sedentario abbiano causato la migliore qualità della vita tra coloro che erano più attivi.

Ecco perché gli studi clinici sono così importanti. Studi randomizzati e controllati confrontano le persone che partecipano a un programma per aumentare l’attività fisica con altre persone simili in caratteristiche importanti che non partecipano a tale programma. Bisogna tenere anche conto che, negli ultimi anni, gli studi clinici hanno utilizzato sempre più programmi di esercizi a domicilio, con particolare attenzione al cambiamento del comportamento per costruire l’attività fisica come abitudine di vita a lungo termine. Per esempio:

I sopravvissuti al cancro del colon-retto e alla prostata nello studio OncoActive hanno ricevuto programmi su misura per computer basati sui loro livelli di attività fisica in diversi punti. Entro tre mesi, l’aumento dell’attività fisica ha portato a una minore fatica e a una migliore funzione fisica auto-valutata. Anche due mesi dopo la fine del programma, l’attività fisica ha continuato ad aumentare e la fatica e la funzione fisica hanno continuato a migliorare più che nel gruppo di controllo che non ha partecipato al programma. Nello studio Courage, i sopravvissuti al cancro del colon di stadio I-III sono stati assegnati a un programma domiciliare con obiettivi di “basse dosi” di 150 minuti di esercizio aerobico (come la camminata veloce) a settimana, un programma con obiettivi di “dosi elevate” di 300 minuti alla settimana, o un gruppo di controllo messo in una lista di attesa per il programma detto di mantenere il loro attuale livello di attività. A sei mesi, entrambi i gruppi che hanno aumentato l’esercizio aerobico hanno riportato un miglioramento della funzione fisica e della qualità del sonno. Quelli nel gruppo di esercizi a dose più alta sono migliorati di più e hanno anche riportato una riduzione dell’affaticamento.

l benefici dell’attività fisica anche in altri tipi di cancro

Ci sono sempre più ricerche sull’attività fisica nelle persone con diagnosi di cancro del colon-retto, della mammella e della prostata, poiché questi tumori sono tra i più comuni. Questa è un’area di ricerca molto attiva e gli scienziati stanno imparando sempre di più.

La qualità della vita correlata alla salute, inclusi affaticamento, ansia e funzione fisica, migliora con esercizi aerobici e di resistenza combinati di intensità moderata due o tre volte alla settimana per almeno 12 settimane sia durante che dopo il trattamento. Questa è stata la conclusione di una tavola rotonda di esperti sull’attività fisica e sul cancro convocata dall’American College of Sports Medicine (ACSM), basata su studi clinici che coinvolgono diversi tipi di cancro.

L’inclusione dell’attività fisica come parte regolare del proprio stile di vita riduce il rischio di almeno tre tumori, secondo il Progetto di aggiornamento continuo AICR: tumori del colon, della mammella e dell’endometrio. E i benefici dopo una diagnosi di cancro? Più movimento e meno periodi di sedentarietà ininterrotta stanno emergendo come strumenti preziosi per le persone dopo una diagnosi di cancro.

In altre parole, mangiare bene e rimanere attivi sono due elementi che possono aiutare notevolmente a far fronte ai trattamenti antitumorali, a combattere gli effetti collaterali e a migliorare la qualità della vita prima, durante e dopo il trattamento del cancro.

Post recenti