Perché non esiste ancora una cura contro il cancro

 In Blog

I tumori sono purtroppo una patologia sempre più diffusa, ma intorno ad essi circola ancora molta disinformazione. È credenza diffusa, infatti, che si tratti di una singola malattia, mentre ne esistono più di 200 forme diverse, dal comportamento differente a seconda dell’organo interessato, delle cellule d’origine e anche del paziente ospite. Si è inoltre scoperto di recente che i tumori sono in grado di evolversi per resistere alle terapie precedentemente risultate efficaci. È facile dunque comprendere il perché non si sia ancora giunti ad una cura universalmente efficace.

Recentemente è stata introdotta un’ulteriore classificazione in base ai ricettori molecolari, che complica ancora di più le cose differenziando tumori allo stesso organo: per questo motivo, infatti, anche le terapie molecolari di nuova generazione hanno un’applicazione molto specifica.

Non è da sottovalutare il tempo necessario affinché un farmaco venga sviluppato, testato e infine approvato per l’utilizzo clinico: ne è un esempio l’Imatinib, un farmaco per la cura della leucemia mieloide introdotto nel 2001 ma il cui sviluppo è partito negli anni ’60. Al giorno d’oggi i tempi di laboratorio sono ridotti rispetto a qualche decennio fa, ma bisogna comunque avere a che fare con malattie in rapida e continua evoluzione.

Il successo di una terapia, inoltre, non deriva solo dal farmaco in sé, ma anche dalla tempestività della diagnosi. Gli strumenti e le tecniche utilizzati sono numerosi, sia di tipo clinico che epidemiologico che tecnologico, perché spesso è una pratica difficile per via dell’asintomaticità di alcuni tumori. In ogni caso una diagnosi precoce può davvero fare la differenza per quanto riguarda l’operabilità del carcinoma e il tasso di sopravvivenza.

Non da ultimo, va considerato l’investimento economico sempre insufficiente che viene destinato alla ricerca contro il cancro: nel biennio 2004-2005 sono stati spesi 14 miliardi di euro, ma se li dividiamo tra i vari tipi di tumore e ne consideriamo la molteplicità e la complessità ci accorgiamo che la cifra devoluta alla ricerca per ogni singolo tipo di cancro è nettamente inferiore rispetto a quella destinata a malattie molto meno gravi. Eppure, continuare a investire in una ricerca sempre migliore è l’unico modo per arrivare a produrre cure molteplici e aggiornate per debellare queste patologie.

Recent Posts