Malnutrizione degli anziani allettati

 In Blog

La malnutrizione è un fenomeno frequente tra gli anziani, soprattutto quelli che per ragioni mediche hanno subito un allettamento prolungato: la sua conseguenza diretta è la sarcopenia, cioè la progressiva perdita di massa e forza muscolare.

Le principali cause della malnutrizione in caso di allettamento ospedaliero sono la sedentarietà forzata, che rallenta l’attività gastrointestinale, il senso di fame e quindi l’assorbimento di nutrienti, l’assunzione di farmaci che può dare nausea da rallentamento della peristalsi gastrica e irritazione dello stomaco, con una conseguente riduzione del muco protettivo, e la dieta in ospedale spesso ripetitiva e povera in proteine nobili e vitamine.

La dieta più adeguata per un anziano nel periodo di recupero da un allettamento dovrebbe essere iso o ipocalorica, a basso indice glicemico, ricca in pesce e vegetali e povera in carne e latticini, tarata in base alle specifiche esigenze nutrizionali e terapeutiche del paziente.

Potrebbe inoltre rendersi necessaria una supplementazione, per via della difficoltà di deglutizione, di preparazione dei cibi e dell’assimilazione: i nutrienti che più comunemente vengono integrati sono aminoacidi essenziali, vitamine (C e D soprattutto), minerali (calcio, magnesio, potassio), nutraceutici antiedemigeni e antinfiammatori come la bromelina, condroprotettori.

Recent Posts