La sindrome del colon irritabile

 In Blog

La sindrome del colon irritabile è una combinazione di sintomi e manifestazioni come crampi, dolore addominale, nausea, stitichezza e diarrea.

Non si tratta di una malattia vera e propria, ma questo non significa che non si debba cercare una soluzione, anzi se i disturbi si acutizzano possono compromettere la qualità della vita di chi ne soffre .
Per stabilire se si è affetti da IBS (Irritable bowel syndrome) bisogna rivolgersi al medico, il quale può diagnosticarla basandosi su parametri ben consolidati.

Le “macrocategorie” di colon irritabile sono quella in cui domina la stipsi e quella in cui prevale la diarrea, anche se a volte i due “atteggiamenti” possono avvicendarsi, rendendo meno semplice la collocazione in una impronta o nell’altra.

Per l’impronta stitica è fondamentale introdurre una adeguata quantità di acqua (almeno 2 litri al giorno, aumentando fino a 3 litri d’estate), così come è fondamentale l’introduzione delle fibre : insieme all’acqua accrescono la massa delle feci e ne favoriscono il transito (50 grammi al giorno sono sufficienti). A volte abbondare nell’ impiego di fibre porta l’intestino a non riuscire a “mobilitare” la massa di fibra e, di conseguenza, accrescere il rischio di fenomeni fermentativi e di un peggioramento del gonfiore e della stipsi. Pertanto, fibre sì, ma nella giusta quantità.

In caso di colon irritabile a impronta diarroica, nei momenti di crisi è appropriato l’uso di antidiarroici e di integratori di sali minerali ma soprattutto di fermenti probiotici ( per ristabilire la salute della flora batterica). Secondo recenti studi proprio la flora batterica potrebbe avere un ruolo notevole nella sindrome del colon irritabile, e la salvaguardia del suo equilibrio potrebbe migliorare la condizione generale dei pazienti.

Per entrambe le macrocategorie di IBS, si consiglia di abbinare alla terapia alimentare e farmaceutica dell’ attività fisica e una consulenza psicologica: è risaputo, infatti, che l’ inasprirsi delle crisi coincide con periodi di forte stress emotivo.

Recommended Posts