La classificazione dell’obesità

 In Blog

Il grasso corporeo è difficile da misurare direttamente, per cui si fa uso dell’Indice di Massa Corporea (BMI).

Il BMI misura il peso in relazione all’altezza, ed è uno strumento utilizzato dagli specialisti per parlare di questo fattore. Non indica la percentuale di grasso corporeo e si tratta solo di una parte della diagnosi dell’obesità.


Si può calcolare con una semplice formula matematica:

BMI= massa corporea (Kg) / statura al quadrato (m2)

Nelle varie fasce d’età, il BMI desiderabile è il seguente:

Età in anni BMI desiderabile

19 – 24

19 – 24

25 – 34

20 – 25

35 – 44

21 – 26

45 – 54

22 – 27

55 – 64

23 – 28

> 65

24 – 29

Al di sotto di questi valori si parla di sottopeso, al di sopra di sovrappeso e obesità.

Nello specifico:

  • Sovrappeso: un BMI compreso tra 25.0 e 29.9 inizia a destare preoccupazioni per la salute soprattutto perché apre facilmente la strada allo sviluppo dell’obesità. Chi è in sovrappeso e ha altre complicazioni, come il diabete o problemi cardiaci, deve sottoporsi a controllo medico.
  • Obesità: con un BMI compreso tra 30.0 e 39.9. può condurre a seri problemi per la salute e necessita un’accurata comprensione e un giusto trattamento.
-Grave obesità: si parla di grave obesità quando il BMI supera il 40. Questa condizione è legata a gravi problemi di salute e ad un notevole aumento della mortalità.
Recent Posts